BENVENUTI nel sito ufficiale di DONELLA DEL MONACO.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
NEWS:
Presentazione del CD ROSA ROSAE
- Chez Donella a Treviso -
Domenica 10 marzo 2019
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Domenica 10 marzo 2019 – Ore 17:00 presso Chez Donella – via Postumia, 41 – Treviso
ci sarà la presentazione del CD ROSA ROSAE – Opus Avantra ensemble – Donella Del Monaco

E’ necessaria la conferma dell’invito : news@donelladelmonaco.com

Sarà un evento registrato da RAI Uno per la trasmissione “La vita in diretta” quello che incrocia più ricorrenze storiche di una grande famiglia musicale e presentato a Chez Donella domenica 10 marzo ore 17:00

1974: 45 anni dalla fondazione di OPUS AVANTRA e l’uscita del primo album di Donella Del Monaco “introspezione”, molto apprezzato dallo zio Mario Del Monaco.

1959: 60 anni dal conferimento dell’Ordine di Lenin a Mario Del Monaco, inviato da Kruscev in persona al culmine della Guerra Fredda, consegnato a un grande artista che in quel momento rappresentava la cultura occidentale, un primo passo verso il disgelo.

Per la presentazione del CD sarà anche allestita una mostra fotografica del tenore Del Monaco con foto sia di famiglia, sia con personaggi di rilevo storico.

Era musica d’avanguardia nel 1974 quello degli OPUS AVANTRA, con l’uscita del primo album introspezione: il rock, l’avanguardia e il recupero della tradizione classica.

Una formazione che, partendo dalla musica classica, si apriva alla trasversalità, inventando un vero e proprio genere, atteggiano di quello che poi verrà definito “Prog”.

Nel 2019, ROSA ROSAE (per M.P. & Records e distribuito dalla G.T. Music Distribution): ancora all’insegna dell’avanguardia nasce quest’ultimo progetto Donella Del Monaco con L’Opus AvanTra ensemble. Oggi le è accanto Paolo Troncon, sapiente e originale compositore di profonda formazione classico-contemporanea che affida le sue composizioni strutturate in forme poliritmiche e contrappuntistiche alla vocazione comunicativa di Donella, autrice di tutti i testi, e dei suoi performers. Ne esce un vitale, intenso connubio di spessore competitivo e presenza interpretativa. Al conflitto perenne tra Avanguardia e Tradizione un’altra sfida affascina ora Donella col suo ROSA ROSAE appena sbocciato, dedicato all’amore nelle sue declinazioni sacro e profano dove i due aspetti si confondono. I testi spaziano da una poetica raffinata in italiano a sacrali invocazioni popolari in un tardo latino di sapore gotico.

Testi di Donella, musiche di Paolo Troncon, tranne il brano “Vento del Nord” di Mauro Martello.

Renato Marengo
produttore

info social:
Chez-Donella | Donella Del Monaco

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Rosa Rosae
DISPONIBILE dal 14 GENNAIO 2019

Donella Del Monaco - Paolo Troncon - Opus Avantra Ensemble feat. Jenny Sorrenti, Alberto Radius, Tony Esposito, Lino Vairetti

Donella Del Monaco voce
Mauro Martello flauti, sax soprano, duduk
Andrea De Nardi pianoforte digitale, tastiere
Laura Balbinot violoncello
Giorgio Cedolin batteria

testi Donella Del Monaco
composizione, arrangiamenti e direzione Paolo Troncon
recording, mixing & mastering Stefano Bruzzolo
presso Ars & Opus Studio, Treviso

produzione esecutiva Donella Del Monaco
produzione artistica Renato Marengo

realizzazione Vannuccio Zanella

progetto grafico Giorgio Cedolin

opera di copertina Carlo Bertocci, Rosa Rosae, 2016

teaser video Daniele Massimi

su etichetta M.P. & Records www.mprecords.it
edizioni musicali Micio Poldo
distribuzione G.T. MUSIC DISTRIBUTION di Antonino Destra
www.gtmusic.it
℗ e © 2019 GT MUSIC DISTRIBUTION

 

DONELLA DEL MONACO.

Donella Del Monaco, nata a Villorba in provincia di Treviso, si laurea in Architettura all'Università di Venezia.

La sua formazione musicale è complessa: comincia a studiare canto giovanissima con il padre Marcello che teneva a Treviso una Scuola Internazionale di canto lirico ed in seguito anche con lo zio, il tenore Mario Del Monaco. Ma accanto al repertorio lirico e concertistico tradizionale, Donella affianca lo studio e l'interesse per le varie possibilità timbriche ed espressive della voce costruendo un percorso artistico personale, “diverso”, di cantante-autrice-ricercatrice sia nell'ambito della cultura tradizionale veneta, sia nell'incontro con le scritture dell'avanguardia.

Insieme al compositore e pianista Alfredo Tisocco, nel 1974 fonda il gruppo musicale di ricerca Opus Avantra (Avanguardia e Tradizione) formato da un gruppo di musicisti classici con il progetto di fondere e interscambiare apporti di aree musicali diverse che vanno dall'avanguardia, al rock, alla canzone, alla pura sperimentazione. I CD incisi dal gruppo – IntrospezioneLord CromwellStrata e Lyrics – appartenenti al genere progressive, diventano subito un cult e continuano a tutt'oggi a essere ristampati e richiesti da molti collezionisti. Nell'area internazionale della musica progressive OpusAvantra viene considerato un gruppo unico nel suo genere per la graffiante originalità e per la complessità artistica.

Nel 2003 riprende la ricerca OpusAvantra con una nuova esperienza musicale raccolta nel CD Venetia et anima realizzato in collaborazione con il compositore Paolo Troncon(direttore del Conservatorio di Vicenza): un lavoro sia di scrittura che di improvvisazione di gruppo, basato su una nuova concezione ma anche ispirato all'idea OpusAvantra.

Nel 1974 inizia un percorso all'interno della musica contemporanea alla Biennale Musica di Venezia 1975-76-79 e vari Festivals e Rassegne di Musica Contemporanea per i quali è stata chiamata ad interpretare opere dei maggiori compositori contemporanei (tra cui Salvatore SciarrinoSylvano BussottiJohn CageLuigi NonoMarco TutinoAzio Corghi) presentando opere in prima esecuzione mondiale, alcune delle quali scritte per lei.

Il suo interesse per l'avanguardia musicale è costante e prosegue con varie iniziative tra le quali nel 1996 fonda OpusAvantra studium, un'etichetta discografica di ricerca nell'ambito del neo-prog e delle nuove tendenze.

La nuova etichetta, oltre a una discografia ricercata, promuove anche convegni e incontri musicali di discussione su come alcuni aspetti della musica progressiva abbiano interagito con le diverse tendenze della musica contemporanea del passato e d'oggi. In collaborazione con il dipartimento di Filosofia della Ca’ Foscari di Venezia e con la Biennale Musica, nel 2004 crea “Incontri fra Musica e Filosofia”. Gli appuntamenti annuali promuovono un dibattito su tematiche musicali ed estetiche della contemporaneità: “L'interprete creativo” (edizione 2004), “Comporre e improvvisare” (edizione 2005), “Con/porre insieme” (edizione 2006), “(S)definire la musica” (edizione 2007); vi hanno partecipano personalità quali Marco De Natale (Presidente della Società Italiana di Analisi Musicale) e del mondo 'prog quali Riccardo Storti (Centro Studi Progressive italiano e direttore della rivista “Contrappunti”) e Donato Zoppo (critico e scrittore di progressive), nonché autori contemporanei di ricerca tra i quali Markus Stockhausen ed Elliott Sharp, al quale è stato affidato un workshop creativo (il CD Em/Pyre di Elliott Sharp è in uscita per OpusAvantra Studium/RES - Registrazioni e Suoni).

Accanto al lavoro di ricerca nell'ambito del progressive, già a partire dal 1977, porta avanti uno studio personale sui canti della tradizione veneta; riscopre le Canzoni da Battello del Settecento veneziano e propone al compositore Salvatore Sciarrino di arrangiarle: ne esce un raffinato lavoro registrato per la Fonit Cetra con la partecipazione di alcuni strumentisti del Teatro alla Scala. Successivamente, il lavoro di ricerca sulle canzoni colte e popolari veneziane e venete si amplia a più periodi storici, dall'alto Medioevo fino ai giorni nostri e la ricerca musicale si estende al linguaggio. Nei testi poetici e musicali di Donella appaiono stratificazioni linguistiche che evidenziano una storia di crocevia fra Oriente ed Occidente dove la lingua veneta si impasta con il greco, lo slavo, fino a risalire al franco-veneto medievale o addirittura al paleo-veneto di epoca pre-romana. Tale ricerca diviene ri-creazione immaginaria sul filo di antichi fonemi e formule di un viaggio temporale nel passato remoto di una grande civiltà della quale non rimangono che frammenti.

Le tappe di questo lavoro sono documentate in alcuni CD: Venexia de oro (1999) dove il filo conduttore musicale sono i linguaggi della veneticità dal Medioevo alla contemporaneità, il lavoro si avvale della partecipazione del poeta Andrea ZanzottoMerica, Merica (2000), una ricerca dei canti popolari del lavoro e dell'emigrazione con una rielaborazione classica del compositore Paolo Troncon e popolare del gruppo Barbapedana; Venetia et Anima (2003), una suite di brani sul tema della spiritualità, tra antico e contemporaneo, realizzata in collaborazione con il compositore Paolo Troncon e supportata dalla sperimentazione strumentale del gruppo OpusAvantra; per finire, le Canzoni da Battello del Settecento veneziano (2007), una raccolta di canzoni alcune delle quali orchestrate dal compositore Salvatore Sciarrino.

Concerti e spettacoli

 

Fra i numerosissimi concerti dedicati al repertorio veneziano vanno ricordati almeno tre eventi:

Nel 1980 la Biennale Teatro con Maurizio Scaparro, con una tournée con il “Teatro del Mondo”: teatrino galleggiante, costruito dall'architetto Aldo Rossi, che rivisitava una tradizione cinquecentesca della Serenissima. Il tour che coprì l'intera costa adriatica fu diretto da Giuseppe Marotta.

Nel 1989 concerto al teatro La Fenice di Venezia diretto ancora da Giuseppe Marotta.

Nel 2000 a Parigi all'Espace Cardin lo spettacolo “Donella Del Monaco chante Paris, Berlin, Venise” con coreografie di P. Paolo Koss.

È stata inoltre invitata alla Biennale Musica '75, '76, '79, nonché al Deutches Theater di Monaco, al Teatro “Opera Haus” di Filadelfia, al Teatro Romano di Verona nella rassegna internazionale “Canzone d'Autrice” e al Festival mondiale di Pyong- Yang del 1995.

Nell'aprile 2008 ha tenuto un concerto-evento in Giappone con lo storico gruppo Opus AvantraViaggio immaginario, un percorso attraverso i brani più significativi dei quattro CD incisi dal gruppo dal 1974 al 1995 nell'ambito del rock progressivo, dopo l'anteprima a Bucarest in Romania (al teatro Arcub il 20 marzo) è stato proposto a Tokyo al famoso Club Città il 12 aprile 2008. Il nuovo ensemble è formato da: Donella Del Monaco (voce), Alfredo Tisocco (tastiere), Giorgio Bisotto (Magister Tenebrarum), Mauro Martello (flauti), Valerio Galla (batteria) con The Opus String Ensemble (due violini, viola, violoncello elettrificati). Viaggio immaginario è un concept-concert velato di una teatralità apparente che accoglie segni ad un tempo gestuali e sonori, sospeso in quell´impalpabile confine fra movimento e suono.

(in preparazione)

Opera

 

Malgrado i numerosi impegni nei repertori succitati, ha voluto debuttare nel teatro d'Opera, seguendo il filo della tradizione di famiglia. Molti sono stati i ruoli interpretati, in opere quali BohémeStiffelioAndrea ChenierDidone ed EneaLa vedova allegraIl Flauto magicoLa serva padronaBastiano e BastianaLa Granduchesse de GerolsteinLa rondineDer Ferne KlangCrispino e la ComareIl Campiello; e in teatri quali La Fenice di Venezia, il Teatro Massimo di Palermo, Il Teatro Comunale di Treviso, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Comunale di Genova, il Teatro Regio di Torino, il Teatro Donizetti di Bergamo, il Grand Opera House di Filadelfia, il Deutches Theater di Monaco.

Recital

 

Il concerto teatrale dedicato alle Canzoni di Cabaret di Arnold Schoenberg eseguito in numerosissime rassegne e festivals (CD: Schoenberg KabarettSchoenberg Kabarett 2).

Il concerto dedicato ad Erik Satie (CD: Chansons Satie con presentazione di Ornella Volta, direttrice del Museo Satie di Parigi).

Il concerto dedicato ad autori americani del primo Novecento quali Gershwin, Kern, Porter per pianoforte e sax con originali arrangiamenti del compositore Giovanni Sollima.

Il concerto dedicato al filosofo Friedrich Nietzsche con lieder da lui composti o a lui dedicati: intorno a questo concerto la regista francese Simone Benmoussa ha costruito un importante lavoro teatrale, Les Voyageurs, che ha debuttato a Parigi a l'Espace Cardin nel 1999 e ha avuto più di trenta repliche. In seguito a questo spettacolo è stata invitata da Franco Battiato all'Estate Catanese.

Ha in repertorio i Folksongs di Luciano Berio che ha eseguito sia nella versione orchestrale che in quella da camera. Ha inciso anche Fragments, una raccolta delle composizioni che hanno segnato la “storia” creativa della cantante attraverso i vari generi musicali; il Cd contiene due brani inediti del gruppo Opus Avantra (usciti nel 1974 in 45 giri e mai più ristampati). Infine, il suo primo lavoro in veste di compositrice, Shakespeare Ballet, musiche per il balletto “Il sogno veneto di Shakespeare” presentato all'Arena di Verona nella stagione 2005.

Presiede l'etichetta discografica “OpusAvantra studium” con sede a Treviso e in Lussemburgo.

 

Riconoscimenti

Ha vinto il 1º premio al Festival Musicale Mondiale della Corea del Nord in rappresentanza dell'Italia nel 1996 presentando arie di Puccini.

È stata invitata a far parte della giuria del prestigioso “Concorso Internazionale Rackmaninov” di Mosca nel 1997.

È stata invitata a far parte della giuria del “Concorso Internazionale Toti dal Monte” di Treviso nelle edizioni 1996/7/8.

 

 

CONTATTI

Facebook